Retecapri in liquidazione, sul mercato le LCN 20, 45, 55 e 66

Retecapri in liquidazione, sul mercato le LCN 20, 45, 55 e 66

Lo scorso 29 gennaio il Tribunale di Napoli ha respinto, dichiarandola inammissibile, la proposta di concordato preventivo presentata da Television broadcasting system (Tbs), società che controlla Retecapri e multiplex del digitale terrestre. Tbs è quindi stata iscritta a procedura di scioglimento e liquidazione. È stato nominato il liquidatore, Domenico Di Presa, che dovrà quindi occuparsi della cessione delle varie attività del gruppo, per poter fare fronte al pesante passivo che ha portato a questa drammatica situazione.

In vendita ci sono soprattutto le numerazioni LCN del digitale terrestre detenute da Retecapri e dal suo azionista Costantino Federico: una dozzina di posizioni, tra cui il prezioso numero 20, e poi i canali 20, 45, 55, 66, 120, 122, 149 ecc. Dallo scorso novembre il canale 247, dove trasmetteva Capri Fashion, è a schermo nero, mentre da poco più di un mese sugli LCN 223 e 224 hanno iniziato le loro trasmissioni Mytvlife e Mytvhome. Le tensioni sui conti di Retecapri e della sua casa editrice Tbs erano già emerse la scorsa estate, quando al tribunale di Napoli si era chiesta l’ammissione di Tbs al concordato preventivo in continuità aziendale.

Continua a leggere
  960 Visite
  0 Commenti
960 Visite
0 Commenti